Translate

venerdì 26 agosto 2016

OFFICIAL SELECTION AESTHETICA SHORT FILM FESTIVAL (BAFTA qualifying)


Official selection Aesthetica Short Film Festival (BAFTA recognized film festival) 
for Human Installation I: Gender Obsolescence by Kyrahm and Julius Kaiser - 
November 2016, York (UK)


venerdì 29 luglio 2016

Drag King, il sogno di Julia selezionato in Guatemala

Il 29 Luglio 2016 Drag King, il sogno di Julia è in proiezione al Centro Universitario Metropolitano per L' Otra Banqueta Film Festival a Guatemala. 

http://www.laotrabanqueta.com/index.php/lob-sedes/146-centro-universitario-metropolitano-cum/341-centro-universitario-metropolitano-cum

un grazie particolare ad Andrea Lade e Federica Tore per la traduzione in spagnolo


mercoledì 29 giugno 2016

(A)mare Conchiglie al FuoriFestival di Pesaro

I migranti, giunti con un gommone, hanno sorpreso il pubblico presente in spiaggia raccontando le loro storie in una tavolata sospesa in mezzo al mare.
E’ “(A)mare Conchiglie” la performance di Kyrahm e Julius Kaiser, svoltasi ad Anzio nel 2016, che ha coinvolto immigrati nigeriani dai centri di accoglienza ed ex emigrati italiani all’estero.
Un convivio poetico che mette in evidenza i parallelismi tra il nostro passato del dopoguerra e i flussi migratori attuali.
Dalla performance è nato un progetto tra videoarte e docufilm: dopo aver presentato il trailer al MACRO – Museo d’Arte Contemporanea di Roma ed aver avuto la sua prima mondiale in Svizzera per il Festival del Cinema di Lugano OtherMovie, dal 30 giugno al 9 luglio sarà proiettato a Pesaro per XXXFuoriFestival, rassegna culturale di Video e Arte nella sezione a cura di Giulia Ronchi.
XXX Fuorifestival – Arte, video e altre culture” è una rassegna di arte contemporanea nata con l’intento di proporre una nuova modalità di valorizzazione del territorio, realizzando nel cuore della città una rete di eventi multimediali e installazioni artistiche in spazi pubblici e privati, che coinvolgano il tessuto cittadino.
Spettacoli di videoarte, sound-art e performances multimediali a stretto contatto con il pubblico coinvolgono spazi museali, esercizi commerciali e location temporanee prima e durante i giorni della “Mostra Internazionale del Nuovo Cinema di Pesaro”.
L’iniziativa desidera sperimentare una nuova forma di manifestazione, che sappia essere un laboratorio dedicato alle nuove forme artistiche contemporanee. XXXFuorifestival prevede, a questo scopo, l’organizzazione di scambi culturali e progetti site-specific con importanti realtà italiane ed internazionali come enti e musei, fondazioni e gallerie d’arte, scuole e associazioni culturali.
Il progetto interagisce con la città sviluppandosi attraverso strade e piazze, per farne un vero e proprio percorso di eventi culturali. La rassegna si rivolge in questo modo al pubblico della città e ai suoi turisti, rendendoli partecipi del processo artistico, nel segno dell’incontro e dello scambio fra persone, culture e generazioni.
XXX Fuorifestival è lʼoccasione per rivolgere il proprio sguardo al futuro, vivendo la città nel presente.

"Il video è tratto dalla performance live svoltasi ad Anzio nel 2015: Kyrahm e Julius Kaiser, duo artistico che da sempre conferisce alla propria attività artistica grande impegno politico e sociale, hanno cercato per settimane nei centri di accoglienza e nelle strade circostanti persone e storie di migrazioni.
Ambra, il signor Anselmo, i fratelli Gentle, John, Promise, Theo e l’artista Kyrahm si ritrovano cos
ì in mezzo al mare, sul litorale nord di Forte Sangallo, riuniti a convivio e totalmente immersi in un’allegoria suggestiva. Appartenenti a generazioni e luoghi lontani, gli astanti raccontano la loro storia, fatta di difficoltà e drammi familiari, di guerre. Un confronto tra vecchi migranti e odierni immigrati, accomunati dalla ricerca di una prospettiva migliore e dal mare, scenario dei loro racconti e mitigatore delle loro ferite. Questa cronaca di vita vera viene elevata da una forte componente rituale e simbolica: una valigia deposta sugli scogli, il lancio del sale e un canto in sottofondo. Per restituire il mare al mare, e ricordare coloro che non ci sono più. "
XXXFuoriFestival di Pesaro - Dissuasori Mobili a cura di Giulia Ronchi

martedì 7 giugno 2016

La prima mondiale del film "(A)mare Conchiglie" in Svizzera per il Festival di Lugano


In “(A)mare Conchiglie”, performance delle artiste Kyrahm e Julius Kaiser i migranti dal mare ed ex emigrati italiani raccontano le loro storie, mangiando insieme in una tavolata sospesa in mezzo al mare,
 svelando coincidenze e parallelismi, condividendo con il pubblico commosso presente in spiaggia drammi e speranze. Tutto questo è avvenuto davvero in occasione della Biennale d’Arte di Anzio e Nettuno un anno fa dove le artisti hanno presentato la performance dopo aver cercato i protagonisti per settimane nei centri di accoglienza, nelle strade.
 Dalla documentazione della performance è nato un film
sperimentale, un innovativo progetto tra videoperformance e documentario: il film è stato selezionato per OtherMovie Film Festival, una rassegna cinematografica che si svolge a Lugano, in Svizzera, per la sezione del concorso Sguardo da vicino.
Le due artiste hanno già ottenuto riconoscimenti internazionali per le loro performance in dialogo costante con il cinema, tra cui il recente premio per la performance “Obsolescenza del genere” come miglior film per la sezione Comizi d’Amore dedicata a Pasolini dal Festival del Cinema Arcipelago.
Si può assistere alla prima mondiale di “(A)mare Conchiglie” il 7 giugno 2016 presso il Cinema Lux Art House di Massagno a Lugano.

Il Festival:



mercoledì 25 maggio 2016

"ECCE (H)OMO, Guerrieri." Nuova Performance e Film di KYRAHM


ECCE (H)OMO, Guerrieri.  
Nuova performance e film dell’artista KYRAHM
“La fragilità dell'essere umano in un inedito progetto sull'Amore.”



Ecce (H)omo, Guerrieri.  Nuova performance e film dell’artista Kyrahm.
La fragilità dell'essere umano in un inedito progetto sull’Amore.
Il 16 giugno 2016, alle ore 19 a Roma nel Palazzo Barocco del Rione Monti prenderà vita la nuova performance dell’autrice, regista e performance artist Kyrahm.
I temi affrontati: l’amore in tutte le sue forme, l'attivismo LGBT, la bellezza della fragilità nella vecchiaia e nella malattia.
I protagonisti, guerrieri in lotta, presenteranno i loro corpi e le loro vite.
Diamanti nello scrigno di un palazzo nobile del '600 mostreranno pieni di luce le loro storie narrate attraverso il linguaggio esplicito della performance art, capace di dire tutto senza proferire una parola: nella live art, a differenza del teatro, tutto ciò che avviene è reale, non c'è interpretazione. 
Il canto di un soprano lirico accompagnerà i tableaux vivant.                                                                                          Suggestiva e di impatto la contrapposizione tra gli affreschi di fine seicento barocco nelle stanze nobili del Palazzo Faletti e la performance di arte contemporanea con al centro il corpo che prenderà vita nel luogo.
La performance sarà anche un set di riprese live da cui nascerà un progetto di videoarte e docufilm scritto e diretto da Kyrahm.
"Con umiltà ho riunito queste persone che hanno accettato di prendere parte alla performance dove avrebbero messo a nudo corpo e anima, mostrando volontariamente se stessi ed il loro vissuto senza pelle: una maternità con una mamma senza diritti e la sua piccola, la pietà tra uno straordinario performer che ha fatto della disabilità arte e un'anziano, una donna e l’ amore per la sua compagna con la quale ha trascorso 23 anni della sua vita, il mio ventre dipinto. E poi il ruolo fondamentale della voce: la voce di chi non c’è più, la voce che cambia con il tempo e la malattia, il soprano lirico che accompagna ed eleva.
Mi chiedono  in cosa consista “Ecce (H)omo, Guerrieri”. Risponderei semplicemente: “è un progetto sull’Amore”.  (Kyrahm)
L'artista ha collaborato  spesso in passato anche con  il videomaker Julius Kaiser e realizzato diversi film a partire da performance dal significativo contenuto sociale, come Obsolescenza del genere, miglior video per il Festival del Cinema Arcipelago nel 2015 e "(A)mare Conchiglie", dove sono stati coinvolti migranti del mare ed ex emigrati italiani: quest'ultimo lavoro sarà presentato in prima mondiale il 7 giugno in Svizzera per il Festival del Cinema OtherMovie di Lugano.
A cura di Francesco Paolo Del Re
Credits
Performance Art, videoarte e film scritti e diretti da Kyrahmcon: Nicola Fornoni, Fulvia Patrizia Olivieri, Pepijoy Pierangela Ezzis, Lilli Quitadamo, Imma Mercadante, Kyrahm.
  Soprano lirico : KeyKo Fotografia: Julius Kaiser
Bio
Kyrahm è una delle rappresentanti della live art in Italia, artista visuale, autrice, regista, attrice, performer, body artist internazionale. La sua ricerca spazia dalla live art al cinema e al teatro d’avanguardia, con la realizzazione di performance artistiche dal forte impatto emotivo, presentate in un progetto itinerante tra Europa e Stati Uniti. Artista e attivista in ambito sociale, ha ottenuto in Italia e all’estero riconoscimenti e premi istituzionali. Crea opere di videoarte, documentari e film.
 Collabora con Julius Kaiser regista, videomaker, performance artist e drag king. Il loro incontro ha dato vita al movimento Human Installations. Curatori sezione performance art di musei e gallerie, hanno creato Extreme Gender Art, progetto che promuove le arti performative, in particolare attraverso il Festival Internazionale della Performance Art MutAzioni che si svolge ogni 3 anni ospitando artisti affermati nel panorama mondiale.


Per info, prenotazioni solo su numerodoro@gmail.com o tel. 340.6479392 evento a invito o a prenotazione con riserva di selezione 

foto: in alto, Kyrahm e Nicola Fornoni, scatto sperimentale per locandina di Kyrahm; in basso Kyrahm ne "Il ciclo della vita" del 2009 scatto di Alessandro Penso


domenica 17 aprile 2016

“Drag King, il sogno di Julia” @ Atir Milano

“Drag King, il sogno di Julia” regia di Claudio Del Signore, sarà proiettato domenica 17 aprile ore 22.00 nell’ambito del Queer Festival presso l’Atir Teatro Ringhiera sito in via Boifava, 17 – Milano

lunedì 14 dicembre 2015

Obsolescenza del Genere per l'iniziativa "Pasolini, il cinema in 20 tavole"

Per il festival "Pasolini, Il cinema in 20 tavole" - lunedì 14 dicembre ore 17 - Biblioteca Nardi, Via Grotta di Gregna 37 - Roma - mostra Itinerante nelle Biblioteche di Roma verrà proiettato "Human Installation I - Obsolescenza del genere" scritto e diretto da Kyrahm e Julius Kaiser, 4' (vincitore del concorso "Comizi d'amore/Arcipelago" 2015); sempre per la stessa rassegna "Drag King, il sogno di Julia" di Claudio Del Signore, 12';
L’evento è realizzato da CityFest – il programma di appuntamenti annuali della Fondazione Cinema per Roma e rientra nelle iniziative ufficiali promosse dal Mibact in occasione delle celebrazioni per il quarantesimo anniversario della morte di Pier Paolo Pasolini, con il patrocinio di Accademia del Cinema Italiano Premi David di Donatello e di Agis Scuola. Partner tecnici Rai Teche e Istituto Luce.
http://www.bibliotu.it/news/11090#0


domenica 15 novembre 2015

Obsolescenza del Genere VINCE IL CONCORSO Comizi D'Amore 2.0 - Festival Arcipelago

OBSOLESCENZA DEL GENERE VINCE IL CONCORSO COMIZI D'AMORE 2.0 dedicato a Pietr Paolo Pasolini nell'ambito di ARCIPELAGO FESTIVAL NUOVE IMMAGINI co la seguente motivazione:
 " I Comizi d'amore della contemporaneità, si svolgono in silenzio, nel palcoscenico della vita. Kyrahm e Julius Kaiser affrontano le nuove frontiere dell'identità di genere amalgamando con disarmante incisività e poesia, "live art" e immagine video, il corpo dell'anima e l'anima del corpo. Con la stessa stupefacente schiettezza di Pier Paolo Pasolini."




Domenica 8 novembre alle ore 20.00 a Roma, presso il Teatro Palladium, nell’ambito del Festival Cinematografico Internazionale Arcipelago, verrà proiettata l’opera “Human Installation I: Obsolescenza del Genere” – Performance Art e Videoarte scritta e diretta da Kyrahm e Julius Kaiser.
Versione videoarte di una performance avvenuta dal vivo in Italia e all’estero, indicata tra le 30 migliori performance gender exploration del mondo negli USA e vincitrice della IV edizione de...l Premio Arte Laguna di Venezia.
L’opera mette in correlazione la teoria queer, secondo cui il genere è una costruzione sociale e la body art. Una riflessione sull’identità e il corpo esplicito.
La Video Performance prende parte all’iniziativa Comizi d'amore 2.0, sulle orme di Pier Paolo Pasolini, cinquant'anni dopo lo "scandaloso" documentario originale e a quaranta dalla morte del suo autore.



http://autori.fanpage.it/obsolescenza-del-genere-il-corpo-nudo-e-l-io-la-maschera-e-lo-stereotipo/

http://ecodellanotizia.com/il-genere-obsoleto-di-kyrahm-e-julius-kaiser-al-festival-del-cinema-arcipelago/